Mustillo (PC), Tiburtino III: «M5S apre municipio ai fascisti. Nessuna risposta ai reali problemi delle borgate»

«Dai 5 Stelle una chiara apertura ai fascisti, ormai senza più alcuna maschera: fare entrare la delegazione di CasaPound nel consiglio municipale, mentre un presidio di abitanti del quartiere e di cittadini romani chiedeva un gesto forte, come peraltro annunciato dalla Presidentessa del municipio IV, è un segno di complicità inequivocabile», ha dichiarato Alessandro Mustillo, segretario del Partito Comunista di Roma presente al presidio (in corso) a Tiburtino III nei pressi del Municipio. «Oggi il M5s – prosegue la nota –  ha accettato di legittimare le istanze più razziste di questa società. Di chi, legandosi a settori della criminalità e dello spaccio, gioca a fomentare una guerra fra poveri che è utile solo a mantenere questo sistema di sfruttamento. I veri problemi di Tiburtino III, come quelli di tutte le borgate romane, sono altri: sono le questioni che riguardano le case popolari, i trasporti, la disoccupazione, i servizi sul territorio.
Tutti elementi su cui questa giunta non ha dato alcuna risposta. Farebbero bene ad occuparsi di questo al posto che farsi portavoce delle istanze dei fascisti che strumentalizzano 50 rifugiati che non hanno mai dato alcun problema». Così, in una nota, Alessandro Mustillo, segretario della Federazione Romana del Partito Comunista presente al presidio a Tiburtino III.

Leave a Reply