«Il Partito Comunista chiede al comune un intervento immediato per scongiurare lo sgombero di 24 famiglie in via Fassini, annunciato per il prossimo 19 agosto», così Alessandro Mustillo, segretario della Federazione romana del Partito Comunista «gli inquilini non possono essere colpiti da provvedimenti che riguardano la proprietà.
Sarebbe paradossale che un sequestro giudiziario per ragioni di criminalità si ripercuotesse su famiglie doppiamente e ingiustamente colpite, che per giunta risultano in regola con I pagamenti. Provvedimenti del genere oltretutto non colpiscono ma rafforzano la criminalità organizzata e mafiosa. Chiediamo al comune un intervento immediato per assicurare a queste famiglie il diritto alla casa, sollecitiamo provvedimenti urgenti per sbloccare gli immobili sequestrati alla mafia e inserirli in un piano di sostegno al diritto alla casa». «Il PC – conclude la nota – manifesta il suo sostegno agli inquilini e alle organizzazioni sindacali e di lotta che sono mobiliate a sostegno del diritto alla casa. Invita, infine, ad una energica attività contro il potere della speculazione edilizia che già rialza la testa, puntando nuovamente a condizionare l’amministrazione capitolina e a sottometterla ai propri interessi, come avvenuto recentemente per la delibera relativa a piano di zona».

Leave a Reply